Nel 2017 l'Italia è stato il Paese europeo più attivo nel sistema di allerta RASFF per alimenti e mangimi

Nel 2017 l'Italia è stato il Paese europeo più attivo nel sistema di allerta RASFF per alimenti e mangimi

La relazione sull'uso del sistema di allarme rapido per alimenti e mangimi (Rapid Alert System on Food and Feed: RASFF), pubblicata il 25 settembre 2018, mostra che nel 2017 sono state segnalate alla Commissione europea un totale di 3832 notifiche di alimenti o mangimi. Si tratta di segnalazioni di prodotti pericolosi per la sicurezza alimentare che devono pertanto essere ritirati dal mercato in qualsiasi Stato membro prodotti nella Ue ovvero in arrivo dai paesi extracomunitari.
Il maggior numero di notifiche riguarda prodotti di origine spagnola, soprattutto per la presenza di mercurio nel pesce, e nazionali. Come in altri Paesi europei, l'anno passato si è distinto per un aumento delle segnalazioni sul Fipronil, la sostanza al centro del caso delle uova contaminate che ha interessato soprattutto Belgio e Olanda nell'estate 2017. Altre segnalazioni dell'Italia riguardano pollame con salmonella o la presenza di aflatossine in noci, prodotti a base di noci e semi.


clicca qui